Ariaz: Alex Savelli e i Nostress in versione elettrica

A otto mesi dall’uscita di Doing Nothing, Alex Savelli e i Nostress sono tornati a suonare in presa diretta: lo hanno fatto in uno studio allestito per l’occasione nel Teatro delle Ariette di Bologna dove hanno inciso – a porte rigorosamente chiuse – la prima metà del nuovo LP, programmato per il 2021. Per l’occasione, insieme ai nuovi brani, il quartetto bolognese ha ripreso anche Ariaz, l’ultimo brano di Doing Nothing riletto in chiave vigorosamente elettrica con Jeanine Heirani alla voce al posto di Alex Savelli. Sempre presenti anche Paolo Lapiddi al basso e Max Bertusi alla batteria, ottimo sostegno alla coppia delle splendide chitarre Gibson Flying V che dominano il pezzo.

“La scelta di Ariaz in questa nuova veste è curiosa – sottolinea Savelli – infatti abbiamo voluto usare l’ultimo brano del disco precedente come anello di congiunzione con il futuro nuovo album, che non sarà più completamente acustico ma rigorosamente elettrico”. Nonostante sia dichiaratamente stoner/hard rock, possente e robusto, Ariaz rivela tematiche spirituali e introspettive, come dichiara Savelli: “è un brano trascendentale, sia per i temi che per il modo in cui li affronta, inoltre rappresenta un’esperienza vissuta e condivisa da tutti i membri della band. Dopo quasi un anno di lockdown i sentimenti che pervadono artisti e musicisti sono cambiati e anche per questo la nuova versione elettrica fotografa al meglio il nostro stato d’animo”.

Doing Nothing è stato uno degli album italiani più apprezzati di questo difficile 2020, la rivisitazione di Ariaz è collegata al recente passato di Savelli Nostress e anticipa il percorso futuro, rivelando anche influenze e riferimenti, ad esempio la seconda frase di chitarra all’inizio è un omaggio a Ennio Morricone, con il tema di The Hateful Eight di Quentin Tarantino. Altre grandi novità discografiche per Alex Savelli arriveranno nell’immediato futuro.

Wolfgang's
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content