Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Elliott Sharp e la sua "IrRational Music" a Milano per un reading tra tra rock e avanguardia

Elliott Sharp e la sua “IrRational Music” a Milano per un reading tra tra rock e avanguardia

Giovedì 31 ottobre 2019 alle ore 20, Erratum ospita Elliott Sharp che leggerà dal suo nuovo libro “IrRational Music“, volume di memorie e manifesto di una figura chiave all’incrocio tra rock, avanguardia e una spirale sempre più ampia di arte, teatro, film e danza.

“La scrittura di Elliott Sharp, come la sua musica, ricombina lo scrupolosamente discorsivo con il profondamente umano e riflessivo. Che piacere essere informato da questo straordinario resoconto della maturità della sua psiche, della sua curiosità e della sua metodologia. Sharp dipinge un quadro di regni perduti dell’avanguardia che non sono davvero persi, ma che continuano nel nostro presente se siamo propensi a notarli. Con questo libro, il lettore si unisce a Sharp nel rafforzamento graduale del suono intenzionale stesso – suono come cultura, come scienza, come arte – un processo che non può mai essere completato.”
(Jonathan Lethem)

“Ricordando in molti modi le poche autobiografie musicali particolarmente importanti che mi vengono in mente a partire forse dall’originale *The Trouble With Cinderella* di Artie Shaw, l’estremamente divertente e istruttivo memoriale di Elliott Sharp è uno dei più percettivi e (acuti) sguardi su come la vita lavorativa e l’esistenza quotidiana di un musicista professionista si fondono (o si intrecciano) con la mente musicale quotidiana di un genio, oserei dire onesto. La scrittura di Sharp è chiara, precisa e realistica. Avendo lavorato con lui in un modo o nell’altro molte volte nell’ultimo quarto di secolo, non solo non vedo l’ora di continuare a farlo, ma anche di leggere e comprendere, in seguito, ciò che lui (e il resto di noi) stava in quel momento facendo.”
(Jack Womack)

Evento a cura di Sergio Armaroli e Steve Piccolo

Elliott Sharp è un compositore, produttore e polistrumentista che guida i progetti Orchestra Carbon, SysOrk, Tectonics e Terraplane. Le sue innovazioni hanno riguardato la geometria frattale, la teoria del caos, gli algoritmi, le metafore genetiche e nuove strategie per la notazione grafica per produrre un lavoro che catalizzi un approccio sinestetico alla produzione musicale e che funzioni come arte retinica. Nel 2015 Sharp ha ricevuto il Berlin Prize e il Jahrespreis del der Deutscher Schallplatten Kritiks. Nel 2014 ha ricevuto una Guggenheim Fellowship e una Fellowship dal Center for Transformative Media. È stato presentato ai festival di Darmstadt e Huddersfield, New Music Stockholm, Tomorrow Festival – Shenzhen, Au Printemps-Paris, Hessischer Rundfunk Klangbiennale e alla Biennale di Venezia. È soggetto del documentario Doing The Don’t ed è stato descritto in All Things Considered di NPR. Le sue installazioni includono Chorale, Foliage, Fluvial, Chromatine e Tag. La composizione di Sharp Storm of the Eye, composta per il violinista Hilary Hahn, è apparsa nel suo album vincitore del Grammy In 27 Pieces. La sua opera Filiseti Mekidesi è stata presentata in anteprima alla Ruhr Triennale nel 2018 e la sua opera Walter Benjamin Port Bou è stata presentata a New York nel 2014. Tra i collaboratori di Sharp sono stati il cantante Qawwali Nusrat Fateh Ali Khan; Ensemble Modern; Debbie Harry; le leggende del blues Hubert Sumlin e Pops Staples; i grandi del jazz Jack Dejohnette e Sonny Sharrock; gli artisti dei media Christian Marclay e Pierre Huyghe; e Bachir Attar, leader dei Master Musicians Of Jajouka.
elliottsharp.com

Data

31 Ott 2019

Ora

20:00

Maggiori informazioni

Website

Luogo

MILANO - ERRATUM
Viale A. Doria 20, 20124 Milano
Categoria
Website
Wolfgang's