La band Isoladellerose pubblica il video di “Su” per la regia di Andrew Superview

Per la regia di Andrew Superview, il videoclip ufficiale di “Su” (Artist First), il singolo d’esordio del trio romano Isoladellerose, racconta il senso di smarrimento generazionale attraverso il tormento di una ragazza chiusa in una camera d’albergo. In preda al panico e alla frustrazione, riesce infine ad evadere, scappare via e arrivare in cima al tetto di un palazzo. Cambiando prospettiva cambia anche il suo panorama e vedendo le cose diversamente riesce a trovare la sua pace e la sua libertà.

“Nel video una ragazza scossa e visibilmente a pezzi è chiusa in una camera d’albergo, che metaforicamente rappresenta la brutta situazione in cui si trova e dalla quale vuole evadere – dichiara l’Isoladellerose – Momenti di panico, malinconia e frustrazione caratterizzano gran parte del video. Solo verso la fine la protagonista riesce a scappare dalla stanza e correre via verso il posto che simboleggia la sua libertà. Siamo soddisfatti di questo video, e nonostante il freddo che ci siamo presi per avere avuto la brillante idea di suonare sul tetto di un palazzo di 10 piani a gennaio, possiamo dire che ne è valsa la pena!”

Scritto da Federico Proietti e Andrea Zanobi e composto insieme a Iacopo Volpini, “Su” è un inno che invita le nuove generazioni a non perdersi d’animo e affrontare le difficoltà della vita, e di questo particolare momento storico, senza arrendersi.

Band romana nata durante il lockdown, l’Isoladellerose sono Federico Proietti (voce, chitarra), Andrea Zanobi (basso) e Iacopo Volpini (batteria). Il nome del gruppo si rifà alla storia dell’Isola delle Rose: una piattaforma artificiale costruita nel 1968 sul Mar Adriatico dall’ingegnere bolognese Giorgio Rosa e poi proclamata micronazione. Un episodio che racchiude in sé desiderio di indipendenza e di autosuperamento, valori che rappresentano alla perfezione le intenzioni della band: creare con la loro musica un posto in cui chiunque possa sentirsi libero quando e quanto vuole. Di matrice pop, ma influenzati da generi che spaziano dal rock al funk, i ragazzi dell’isoladellerose parlano della loro generazione e del mondo che li circonda per come lo vedono e vivono.

Wolfgang's
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content