Lucio Battisti – Eppur mi son scordato di te (Live)


Eppur mi son scordato di te è un brano del 1971 della Formula 3 composto da Lucio Battisti su testi di Mogol. Secondo quanto dichiarato dallo stesso Alberto Radius, il riff di apertura del brano è ispirato a Jimi Hendrix.
Per stessa ammissione di Mogol, il famoso verso del ritornello “non piangere salame dei capelli verde rame” fu frutto di un errore di distrazione, mentre nelle sue intenzioni sarebbe invece dovuto essere “non piangere salame dei capelli rosso rame”; il paroliere si accorse dello sbaglio solo a distanza di tempo.
Battisti interpretò il brano in una versione acustica durante la trasmissione televisiva Teatro 10 del 1º maggio 1971; un frammento è stato cantato anche nel duetto Mina-Battisti del 23 aprile 1972, sempre nella trasmissione Teatro 10.

TESTO

Eppur mi son scordato di te
come ho fatto non so.
Una ragione vera non c’è lai era bella però.
Un tuffo dove l’acqua è più blu niente di più.

Ma che disperazione
nasce da una distrazione
era un gioco non era un fuoco.
Non piangere salame dai capelli verde rame
è solo un gioco e non un fuoco
lo sai che t’amo io ti amo veramente.

Eppur mi son scordato di te non le ho detto di no
ti ho fatto pianger tanto perchè
io sono un bruto lo so.
Un tuffo dove l’acqua è più blu niente di più
ma che disperazione…ecc

(solo voce)

Che disperazione nasce da una distrazione
nasce da una distrazione
che disperazione nasce da una distrazione
nasce da una distrazione
che disperazione nasce da una distrazione
nasce da una distrazione
che disperazione.

Un tuffo dove l’acqua è più blu…

.