Nothing is real. Quando i Beatles incontrarono l'Oriente

Nothing is real. Quando i Beatles incontrarono l’Oriente


Il viaggio in India compiuto dai Beatles nel 1968 è considerato uno degli eventi chiave per la cultura pop occidentale: ebbe un’enorme risonanza sui media internazionali e fu fondamentale per il diffondersi di un interesse verso l’Oriente che ha contagiato dalla fine di quel decennio la musica, la letteratura, il cinema, la moda e il costume.
Il volume – il titolo richiama un celebre verso della canzone Strawberry Fields Forever, che invita a ricercare ciò che è al di là delle apparenze con una tensione metafisica e spirituale – rievoca questo momento attraverso opere di artisti quali Ettore Sottsass, Alighiero Boetti, Francesco Clemente, Luigi Ontani, Aldo Mondino e Julian Schnabel, ma anche reportage dell’epoca, fotografie storiche, copertine di dischi, libri e riviste.

Acquista su Amazon:
“Nothing is real. Quando i Beatles incontrarono l’Oriente”
di L. Beatrice (a cura di)
Copertina flessibile: 176 pagine
Editore: Silvana; Bilingual edizione (21 giugno 2016)
Collana: Pb
Lingua: Inglese
ISBN-10: 8836633889
ISBN-13: 978-8836633883
Peso di spedizione: 780 g

[amazon_link asins=’B0025KVLUQ,B076W9ZC68,B00Y3935HY,B00W2XBH5A,B000002UUH,B001TKKAUK,B078Y352DP,B01N9RLCL0′ template=’ProductGrid’ store=’d00d-21′ marketplace=’IT’ link_id=’acd55e07-5109-11e8-af61-4fff958574c0′]