“Virtù nascoste” il nuovo album di Valentina Mattarozzi

Dal 14 maggio negli store e sulle piattaforme digitali “Virtù Nascoste” il nuovo album di Valentina Mattarozzi (PlayAudio/Azzurra Music) ed acquistabile in versione cd a questo link https://www.azzurramusic.it/it/component/virtuemart/tri1408_virtunascoste

Virtù Nascoste” è un album e progetto raffinato che contiene 7 brani in lingua italiana e 4 in francese, scritti da Valentina Mattarozzi e arrangiati da Teo Ciavarella. è un viaggio attraverso vari generi di mainstream, di matrice jazzistica e il cantautorato italiano e francese.

“Cinque anni fa – racconta Valentina Mattarozzi – ho iniziato a scrivere un album di mio pugno, tutto mio, testo, melodie e accordi. Me lo sono prefissato come un impegno con me stessa, ben sapendo, che se ci fossi riuscita, sarebbe poi diventato sia un punto di arrivo, che un nuovo punto di partenza. Ho deciso quindi di uscire dalla mia zona di comfort, quale è il canto, professione che esercito da ormai 25 anni. Per tanto tempo ho scritto musiche che non ho mai pubblicato, ho iniziato a comporre da ragazzina verso i 14 anni, ma non mi sono mai ritenuta una cantautrice, quello che scrivevo erano melodie di matrice classica, che non esigevano un testo. Quando successivamente scoprii la vocazione del canto, quel mio piccolo gioco davanti al pianoforte lo accantonai per un lunghissimo periodo.”

I musicisti che hanno fatto parte di questo progetto sono Teo Ciavarella, Giampiero Martirani, Giannicola Spezzigu, Umberto Genovese, Massimo Tagliata, Flavio Piscopo, Stefano Melloni, Matteo De Angelis, Checco Coniglio, Igor Palmieri, Luigi Scerra, Enrico Guerzoni e Alessandro Cosentino.

Valentina Mattarozzi Bolognese di nascita, artista a tutto tondo, studia danza classica per dieci anni e calca i palchi teatrali anche come attrice e autrice. A 6 anni inizia a suonare il pianoforte e 14 a comporre. Studia canto lirico, conservatorio Martini di Bologna e Frescobaldi di Ferrara, ma la sua innata curiosità la porta a scoprire tanti generi musicali, (dal pop al rock, dal blues alla fusion).
Ed è proprio la mescolanza di tutto questo che la rende unica. Il suo primo vero grande amore è, e rimane, il Jazz che è la sua principale fonte di ispirazione anche quando compone. Collabora con vari artisti bolognesi tra cui Annibale Modoni, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Carlo Atti e Lele Barbieri.
Dal 2013 è la vocalist della famosa Doctor Dixie jazz band, che ha visto collaborazioni con Gerry Mullighan, Lucio Dalla, Pupi Avati e Renzo Arbore. Alternando attività musicali e teatrali, è la protagonista di “Lady Day – Omaggio a Billie Holiday” (nel ruolo di Billie Holiday) per la regia di Massimo Macchiavelli e ancora in “Ladies sing the blues”, viaggio attraverso la storia e le sonorità blues già portate alla ribalta da grandi interpreti femminili come Bessie Smith e Janis Joplin. Si cimenta anche nella scrittura teatrale, debuttando con “Io sono Billie”, spettacolo anche questo, incentrato sulla vita di Billie Holiday. Nel 2014 debutta con l’album di inediti “Vally Doo”, entrando in top ten e top twenty delle classifiche radiofoniche.
Nel 2017 pubblica l’album “I am Billie – Tribute to Billie Holiday”, per cui riceve pubblicamente i complimenti da parte del gruppo vocal jazz più famoso al mondo “The Manhattan Transfer”. Ad aprile 2020 durante il periodo di lockdown ha partecipato all’iniziativa #jazzadomicilio organizzato dal Bologna Jazz Festival ed il 30 maggio 2020 è stata la cantante del primo concerto in Italia “in condominio”, dopo il lockdown, esibendosi con il trio di Teo Ciavarella a “Borgo Masini”.
Ha di recente pubblicato “Fragili” e “Nostalgie” brani che come “L’amore perduto”, singolo attualmente in promozione sono contenuti in “Virtù Nascoste” dal 14 maggio disponibile.

"Virtù nascoste" il nuovo album di Valentina Mattarozzi
Wolfgang's
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content